Kenya: ultimi avvenimenti

Gli  ultimi avvenimenti in Kenya stanno distruggendo intere famiglie, villaggi, popolazioni … La violenza si è abbattuta come un tornado su Nairobi e donne e bambini sono coloro che più subiscono e soffrono. 
Io ho visto i bambini Kenyoti, ho visto i loro villaggi, le loro case, le loro scuole, gli orfanotrofi. Vivono giorno per giorno. Al mattino quando si svegliano sono tutti sorridenti e sereni ma in realtà non sanno cosa potranno mangiare a pranzo e cena. Il ricordo più bello che mi porto dentro sono i loro sorrisi e la curiosità nei loro occhi. Ora a molti di loro hanno portato via anche questo … è forte lo so ma molti bimbi sono uccisi, torturati, violentati come anche le loro mamme e le donne. Io vorrei non li dimenticassimo. Vorrei ricordarli e vorrei che ognuno di noi facesse qualcosa per loro. Qui sotto un articolo di Save the Children per denunciare queste violenze.

Kenya: Save the Children, sono i bambini le principali vittime delle violenze


Kenya: Save the Children, sono i bambini le principali vittime delle violenze che stanno insanguinando il paese dopo le contestazioni delle elezioni presidenziali.

1000 vittime tra la popolazione civile secondo gli ultimi dati, sottostimati secondo gli osservatori internazionali. Oltre 250.000 le persone che hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni. Questo il bilancio della violenza esplosa in Kenya a seguito delle contestazioni delle elezioni presidenziali del 27 dicembre.

Ancora una volta tra le principali vittime, sottolinea Save the Children, migliaia di bambini, che sono stati feriti, ustionati e ora si trovano negli ospedali o che hanno subito il trauma di dover abbandonare l’ambiente loro familiare dopo che case e scuole sono state distrutte.

I bambini, confusi e impauriti, vivono ora in campi di sfollati, abbandonati a se stessi poiché anche i loro genitori sono talmente sconvolti da non riuscire ad occuparsene adeguatamente. Hanno bisogno di un rifugio sicuro, di acqua pulita e di cibo, ma soprattutto devono essere protetti e tratti in salvo immediatamente, restituendo loro quel senso di quotidianità e normalità che è fondamentale per aiutarli a superare il trauma subito.

I recenti avvenimenti hanno peggiorato le estreme condizioni di povertà in cui molti bambini kenioti e le loro famiglie vivevano già prima dell’esplosione degli ultimi episodi di violenza, in particolare nelle campagne e nelle periferie delle grandi città.
Le famiglie provenienti dalle zone rurali e dagli slums si sono riversate in alcune zone del paese, in particolare nei campi profughi al confine con l’Uganda e sono troppo spaventate a causa delle continue tensioni etniche per farvi ritorno e potrebbero rimanere nei campi per mesi.
Questi spostamenti su vasta scala hanno coinvolto decine di migliaia di bambini, che nell’ambiente degradato degli accampamenti rischiano anche di essere separati dalle famiglie e corrono un maggior pericolo di essere vittime di abusi, violenze e sfruttamento.

Compatibilmente con le precarie condizioni di sicurezza che rendono difficile il lavoro delle organizzazioni internazionali, Save the Children si è già attivata per portare soccorso e aiuto alla popolazione del Kenya, grazie al Children’s Emergency Fund , uno speciale fondo che consente all’organizzazione di attivarsi immediatamente nelle emergenze.
I primi aiuti stanno per arrivare oggi nelle aree del paese coinvolte, al confine e nella vicina Uganda, dove si sono rifugiate circa 5000 persone.

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa – Save the Children Italia
tel. 06.48070071 – 23
press@savethechildren.it  
www.savethechildren.it  

 

Fonte: Save the Children Italia

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: